Soft Power intervista Clarissa Burt


Clarissa, tu sei venuta in Italia nei favolosi anni 80 ed hai vissuto intensamente quegli anni tra le passerelle milanesi della moda e gli studi cinematografici a Roma. Che ricordi hai di quei tempi?

Beh... Sono stati semplicemente i più grandi anni della mia vita! Arrivando da giovane ragazza nel paese più bello ed interessante del mondo con le persone più accoglienti del pianeta, la decisione di vivere in Italia per trenta dei miei sessanta anni è stata molto facile!

In più di un'occasione hai espresso molta simpatia per l'Italia del Sud, in particolare per la Sicilia.

Oh, sì! Ricordo di aver partecipato ad uno spettacolo ad Agrigento (la sagra del mandorlo in fiore n.d.r.) nei primi anni novanta quando lavoravo con Raffaella Carrà in Ricomincio da Due su RAI Due. C'erano qualcosa come centocinquantamila persone... Quando sono salita sul palco le persone "ruggivano" così forte che ho quasi dovuto coprirmi le orecchie! I siciliani hanno sempre ricambiato il mio amore e affetto per la loro terra... La Sicilia è una terra speciale ed unica!

Il tuo libro 'Italiana, la cucina naturale senza glutine' scritto con Rita Romano, è diventato un best seller negli Stati Uniti e da qualche giorno è anche disponibile nelle librerie italiane nella nostra lingua. Puoi parlarcene?

Certo! Ho avuto molte difficoltà con l'intolleranza al glutine nel corso degli anni soprattutto mangiando pizza, pasta e pane! Rita Romano è una cuoca italiana molto famosa che vive nella mia città (Phoenix in Arizona n.d.r.) e mi ha chiesto di fare un progetto insieme. Ho detto subito: "Facciamo un libro di ricette senza glutine", e il resto è storia!

Da qualche anno sei tornata negli Stati Uniti e vivi a Phoenix in Arizona, dove sei diventata una donna d'affari. Spesso ti capita di mettere in relazione imprenditori americani con l'Italia e proprio ad Ottobre porterai in Italia alcuni uomini d'affari americani per una missione di attrazione di investimenti. Quali sono le differenze principali tra la concezione americana del business e quella italiana.

Beh, a mio parere, non ci sono vere differenze quando le persone fanno business per se stesse. Gli imprenditori lavorano 24/7 e non guardano mai al tempo impiegato ma solo al risultato. C'è qualcosa che spinge una persona che lavora autonomamente che la fa alzarsi la mattina e affrontare la giornata a volte contro ogni pronostico. Le difficoltà sono molte ma la passione per il lavoro che fanno è più forte di tutto il resto!

Tornando al Sud dell'Italia ed alla Sicilia che ami tanto, che suggerimenti daresti agli amministratori pubblici che intendano far crescere il turismo di queste aree?

Gli sforzi promozionali globali sono fondamentali. Anche i social media sono estremamente importanti. L'utilizzo del web permette oggi di lanciare iniziative a livello globale con costi molto bassi. Oggi ad esempio vanno di moda i contest... I concorsi... Si potrebbe ad esempio invitare chi visita la Sicilia a creare un video, caricarlo online e premiare chi "cattura" al meglio lo spirito, la storia e la bellezza della Sicilia con un viaggio per due persone, permettendo ai vincitori di tornare a visitare l'Isola. Il web permette di fare moltissime iniziative promozionali, velocemente ed a costi molto bassi, sfruttando un connubio tra creatività e marketing!

Tra i tanti progetti che hai lanciato negli ultimi tempi, c'è il "limelight magazine" una rivista in formato elettronico con tante idee e novità destinate ai tuoi fans. Come è nata questa idea?

In the Limelight Magazine fa parte della triade della piattaforma multimediale che ho creato. Il portale video, podcast e magazine è una piattaforma per gli imprenditori per mostrare i loro prodotti e servizi con articoli su come sentirsi bene, apparire al meglio e vivere una vita piena e sana.

Anche se manchi un po' dall'Italia, gli italiani ti ricordano ancora e sei molto popolare, vuoi dire qualcosa ai tuoi fan italiani?

Amici Italiani....Voi siete sempre nel mio cuore, nei miei pensieri e nelle mie preghiere, e per favore, non dimenticate che anch'io, sono una cittadina italiana!

0/Post a Comment/Comments

Nuova Vecchia